“Viviamo tutti in una gigantesca Arca spaziale – Parte 2”

Bentrovati amici!

Nel precedente Diario di Sviluppo abbiamo presentato le prime tre Razze che saranno disponibili in Nostalgia: La Flotta Nomade: Humana, Anima e Fulgor.

Oggi parleremo invece del secondo trittico, composto dalle Razze più curiose e anomale imbarcatesi (o sviluppatesi) sulle Arche.

Non perdiamo altro tempo:

NON-EL

I Non-El sono originari della Terra. Umanoidi di ambo i sessi, con dimensioni analoghe a quelle umane ma con una pelle traslucida, al punto che sotto di essa è possibile intravedere il sistema circolatorio, i tessuti muscolari e la struttura ossea. Il loro aspetto inquietante si riflette anche sulla loro condizione, poiché i Non-El vivono un’eterna sofferenza fatta di emicranie, insonnie, incubi notturni e dolori continui.

Sebbene la loro vita abbia i connotati di un incubo quotidiano, i Non-El hanno imparato ad accettare e convivere con la propria sofferenza al punto che questa non impedisce loro lo svolgimento dei propri compiti, sebbene possa affliggere la loro personalità: qualcuno diventa scostante e rabbioso mentre altri accolgono la sofferenza come un dono che instilla in loro virtù e saggezza.

Nel passare dei secoli, i Non-El hanno sviluppato alcune tecniche di meditazione che permettono loro non soltanto di tollerare le sofferenze patite, ma addirittura di lenire quella altrui. Ed è questa capacità a collocarli socialmente all’interno della Flotta, facendogli ricoprire il ruolo di guaritori. Non a caso, i Non-El vestono di norma ampie tuniche bianche segnate da larghe strisce nere, affinché sia sempre facile riconoscerli per richiederne i servigi.

Oltre all’abilità di curare sé stessi (Spirale Interiore) e gli altri (Spirale Speculare) i Non-El possiedono altre capacità degne di nota, quali il dono di modificare i pensieri di una persona, cambiandone i ricordi o inserendo false informazioni, così come di comandarne il corpo, obbligandone azioni e movimenti. Questo dono, chiamato Coalescenza, non è comunque indolore per il soggetto posseduto, sulle cui carni si aprono ferite tanto più vistose quanto più invasivo è l’intervento esterno.

I Non-El hanno un alto grado di sintonia naturale che li rende in grado di accedere alle Anomalie senza assumere Sogno, similmente agli Anima, benché risultino comunque meno potenti di questi ultimi.

I Non-El possiedono inoltre una sorta di immortalità: quando un Non-El muore, il suo corpo di disintegra per rimaterializzarsi pochi minuti dopo. Il numero di ‘resurrezioni’ pare non essere infinito anche se la cifra varia da individuo ad individuo.

Ultima peculiarità di questa Razza, che va di pari passo alla straordinaria longevità, è ciò che essi definiscono l’Onda dell’Oblio, ovvero la progressiva perdita di ricordi e memorie che svaniscono con il tempo, senza lasciare traccia alcuna. È questa la ragione per cui nemmeno quanti di loro facevano parte del primissimo equipaggio della Flotta Nomade, riescono a ricordare il mondo che esisteva sulla Terra.

Nota dell’Autore: Questa è una delle mie razze preferite (se non la preferita) soprattutto per il fatto che provengono dal passato remoto in cui si è generata l’intera saga di Nostalgia. La loro origine avviene durante Guerra Fantasma, uno degli eventi cataclismatici che spinse l’umanità a imbarcarsi sulle Arche e abbandonare il pianeta.

Il loro nome attuale, Non-El, deriva da quello con cui erano definiti sulla Terra: Non-living.

Il concept di Mack Stzaba per gli Seroii

SEROII

I Seroii sono la più giovane fra le Razze apparse all’interno della Flotta e la loro origine è sconosciuta: molto banalmente, da un giorno con l’altro, comparvero nei luoghi più sperduti, avanzando incuriositi verso un mondo nuovo, senza alcuna memoria del proprio passato.

A seguito di studi approfonditi, si è accertato che si tratta di esseri sintetici, la cui epidermide è formata da tessuti ceramici e i cui organi galleggiano in una melma densa e violacea che sopperisce alla mancanza di scheletro interno. La loro statura è bassa, la pelle di color grigio e la testa è sormontata da una cresta ossea, ampia e vistosa. Sia il corpo che la cresta sono decorati da incisioni che aiutano a distinguerli uno dall’altro, poiché non esistono altre significative differenze fisiche.

I Seroii non hanno un sesso e sono privi di genitali, né pare che abbiano un ciclo riproduttivo proprio: quando uno Seroii muore, un altro compare in qualche punto dell’Arca per prenderne il posto, ‘nascendo’ in forma giù adulta, sia dal punto di vista fisico che caratteriale. Inoltre, uno Seroii ha da subito un bagaglio cognitivo estremamente ampio e variegato.

Sebbene il loro aspetto alieno possa inquietare, si tratta di essere mansueti e di rado inclini alla violenza. Grazie inoltre alle loro straordinarie capacità intellettuali e una memoria infallibile, hanno assunto presto il ruolo di consiglieri o di sapienti, benché non siano estranei a vite più avventurose. La durata della vita di uno Seroii è in genere molto breve ed essi sono in grado di conoscere il momento della propria ‘disattivazione’ naturale. Lungi dall’essere spaventati dal sapere la propria data di scadenza, i Seroii guardano a questa nozione come alla possibilità di pianificare al meglio la propria esistenza che è in genere tesa al miglioramento della comunità delle Arche. Uno Seroii persegue in maniera alacre e logica i propri obiettivi e, in certi casi può rivelarsi molto meno amichevole di quanto sia lecito aspettarsi, in quanto il fine giustifica sempre i mezzi.

Sebbene non abbiano corpi particolarmente forti o resistenti, gli Seroii hanno un organo che permette loro di ergersi sopra le altre razze: il cervello. Oltre alle loro straordinarie capacità mnemoniche e cognitive, uno Seroii può ricorrere al Pensiero Condiviso, una funzione che mette in comunione le menti Seroii limitrofe incrementando di molto il potere computazionale. Inoltre, attraverso questa condivisione, uno Seroii può ottenere abilità che fino a un attimo prima non aveva.

L’ultima dote che caratterizza questa Razza è la possibilità di attivare le cosiddette Reliquie, ossia le tecnologie originarie delle Arche, costruite da chi ha assemblato le navi appartenenti alla Flotta Nomade.

I Seroii sono immuni agli effetti diretti delle Anomalie ma non possono in alcun modo farne uso.

Nota dell’Autore: Altra Razza che mi piace molto per via della loro misteriosa comparsa sulla Flotta e per la loro brevissima esistenza, che li spinge ad essere interamente votati all’agire. Così piccoli ma così caparbi. Senza dimenticare poi il magistrale design realizzato da Mack Sztaba, davvero magnifico!

Fatto buffo: uno dei riferimenti principali che abbiamo dato a Mack è stato ‘Freezer di Dragonball’ :)

 Chris Cold illustra uno dei Livelli

STIGMA

Gli Stigma sono la razza gemella degli Humana e rappresentano un monumento all’incapacità degli umani a porre un freno ai propri errori. Uno Stigma è infatti frutto di una gravidanza dove almeno uno dei due genitori faccia uso di Sogno, la droga che permette agli Humana l’accesso alle Anomalie. In questi casi, il nascituro viene corrotto dagli Spiriti dell’Aura al punto da marchiarne in modo indelebile l’esistenza. Uno Stigma nasce con la pelle scura ed un corpo gracile, ma è con il passare degli anni che la maledizione dell’Aura si manifesta: dagli occhi dello Stigma si irradia un’inspiegabile senso di oppressione, paura e ribrezzo che rende insostenibile il suo sguardo. Questi suoi occhi, oltre a comprometterne l’accettazione sociale, continuano a seminare terrore e diffidenza al punto che pochi Stigma sopravvivono ai primi anni di vita, finendo vittima della paranoia dei vicini, quando non direttamente del disprezzo della madre.

La maledizione degli Stigma sembrava precludere ogni via verso il futuro, ma così non fu grazie alle Maschere, una fazione diffusa su tutte le Arche che accoglieva i malati di Aurora, una malattia infettiva e mortale, tutt’oggi diffusa sulla Flotta. Questo gruppo prendeva il proprio nome a causa dell’usanza di coprire il proprio volto con una maschera, il cui scopo era quello di nascondere i segni della malattia, ma la cosa tornò doppiamente utile quando si scoprì che i malati di Aurora erano in grado di sostenere lo sguardo degli Stigma senza cadere vittima dell’ossessione e dell’orrore.

Le Maschere cominciarono quindi a raccogliere ed allevare i giovani Stigma che venivano abbandonati dalle madri, fornendo loro maschere con cui nascondere il proprio sguardo nefasto. Crescendo, gli Stigma rivelarono però incredibili abilità che permettevano loro di accedere alla Sfera dell’Aura, una dimensione in genere preclusa ai viventi. Entrando in questa dimensione, gli Stigma possono scomparire per brevi istanti, spostarsi di alcuni metri in una frazione di secondo o risanare le proprie ferite. Queste capacità permise presto agli Stigma adulti di acquisire potere all’interno delle Maschere, al punto che infine ne divennero i principali esponenti.

Nella tradizione delle Maschere, una Fazione dalle regole severe e una rigida gerarchia, l’affiliato, dopo aver raggiunto alcuni traguardi intermedi, sceglie il proprio Volto Eterno nel corso di una solenne cerimonia. Questa maschera diventerà simbolo della sua dedizione alla Fazione. Perdere o distruggere tale maschera comporta la cacciata con disonore, e costringerebbe il reietto a vivere di espedienti.

Nota dell’Autore: Altra razza avvincente a causa delle loro implicazioni con la Sfera dell’Aura e delle abilità ad essa legate, che renderanno questi personaggi agili e sfuggenti come nessun altro. Sono una delle ultime razze che ho creato e grazie al cielo m’è venuta l’idea di sfruttare gli effetti di Sogno sulle gravidanze Humana, altrimenti avrei dovuto introdurre il Bardo Spaziale…

Abbiamo dunque presentato tutte le sei razze che andranno a comporre le classi di gioco di Nostalgia: La Flotta Nomade. Riassumiamole per i più pigri:

  • Humana, discendenti degli umani provenienti dalla Terra, capaci di controllare il potere delle Chiavi di Volta e di accedere alle Anomalie tramite l’ingestione della sostanza nota come Sogno. Sono la razza più diffusa nonché detentrice del potere.
  • Anima, una razza tutta al femminile, cresciuta in apposite capsule gestazionali e che sviluppa un morboso attaccamento ad un singolo padrone. Godono di un’insuperabile grado di Sintonia che permette loro di accedere alle Anomalie più potenti.
  • Fulgor, una razza di soli maschi. Indossano un pesante collare detto Ori che funge da sistema immunitario artificiale e dona loro forza e resistenza sovrumani, ma che va alimentato continuamente con l’Aura. Grossi, brutti e cattivi. Soprattutto grossi. Ma soprattutto cattivi. Fortuna che non possono accedere alle Anomalie
  • NON-EL, una razza dall’aspetto inquietante e dai poteri incredibili: accesso alle Anomalie, possono curare ferite e alleviare lo stress, dominare le coscienze, e perfino risorgere dalla morte. La loro non è comunque una vita semplice a causa delle continue sofferenze e di una memoria che inesorabilmente cancella il passato.
  • Seroii, una razza di esseri sintetici, immuni alle Anomalie e incapaci di accederci. La loro è una vita breve ma intensa, tesa al miglioramento della società. Dotati di grandi capacità intellettuali e del potere di domare le antiche tecnologie della Flotta.
  • Stigma, il frutto corrotto degli Humana detiti all’uso di Sogno. Possono accedere alla Sfera dell’Aura, una dimensione eterea e misteriosa. Il loro sguardo incute un terrore irrefrenabile, e viene quindi spesso celato sotto le pesanti maschere che li caratterizzano.

Il Fulcrum è caduto e le vie di comunicazione fra i Livelli sono di nuovo aperte. Quale razza sceglierete per lanciarvi alla scoperta dei molti mondi racchiusi all’interno della Flotta? Iscrivetevi alla Beta, disponibile dal primo Dicembre, iniziate a giocare con le nostre razze e riempiteci di critiche; con il vostro contributo faremo del nostro meglio per migliorare il mondo di Nostalgia!